Download
Scarica alcune poesie
poesia-63-brunelli.pdf
Documento Adobe Acrobat 16.3 KB

ZERo. IL RESPIRO DI DEMETRA

                                       Ascolta le parole del vento. 

Questa è la storia di una donna madre e figlia,

fragile dea che tesse gravida la vita celeste 

e colora l’aria 

che affonda più chiara nella terra fertile. 

Libera tela che nasce

                                        nel tempo del mito e vive oggi ancora

ancora.

Qui l’acqua del lago, 

acquerello di lilla

sciolto nel blu tra leggere pennellate bianche 

che muovono macchie di sole

fino alla sabbia della riva, 

spugna pregna di vita 

poi il bianco liscio di pietre arrotondate

prima del profumo di verde pettinato 

dal vento del mattino

fino al colore di terra 

smossa per la semina di gemme di primavera.

Ora è pace alle porte dell’autunno 

nelle chiome di platani e pioppi.

Il lungo pontile deserto è fermo nel sole.

Di lato pali di legno ormeggiati 

umidi dal tempo dell’acqua 

sostengono a vedetta il solitario cormorano.

La coppia dei bianchi cigni 

culla il movimento dell’acqua.

Il canneto 

onda verde del lago blu.

E dondola nello sciacquio la barca a vela 

mentre nel cielo stormi di uccelli migratori 

danzano in formazione libere forme. 

                                         Per te donna.

 

                                         Nel cuore una ninna nanna.  

 

Grazia Brunelli